L’uso dei Rating nei mercati finanziari

Non hanno capito nulla della catastrofe dei mutui subprime“.
Pochi giorni prima il fallimento di Parmalat e Lehman Brothers continuavano ancora ad esprimere giudizi di affidabilità.

Per vedere il video Clicca Qui

Sono le agenzie di rating, società indipendenti che esprimono un giudizio sulle capacità di un emittente di ripagare il debito con il mercato.

Assegnato un voto espresso attraverso lettere dell’alfabeto dalla tripla A (il massimo) a scendere fino alla D (default).

Ogni livello misura l’affidabilità del soggetto emittente di far fronte ai propri impegni sia in termini di pagamento degli interessi che di rimborso del capitale a scadenza.

3 sono le agenzie che contano a livello mondiale (Standard&Poor, Moody’s e Fitch).

Nonostante le numerose critiche subite negli ultimi anni continuano ad essere essenziali per il funzionamento dei mercati finanziari.

Condizionano infatti le scelte di investimento e disinvestimento dei risparmiatori di tutto il mondo, in quanto per questi è quasi impossibile valutare in proprio i rischi sottostanti i singoli titoli.

Non è facile per i piccoli risparmiatori capire i rating. Per una migliore comprensione ho cercato di trasformarli in una sorta di pagella scolastica con i voti che vanno da 1 a 10 utilizzando anche i segni + e -.

Germania rating AAA, stati con maggiore affidabilità: voto 10.
Grecia rating B3, rientra nei titoli speculativi: voto 4.

E l’talia?
Moody’s ha abbassato il rating a Baa3, un gradino sopra i titoli speculativi: voto 6 –.

Nonostante tutto, le agenzie continueranno ancora a rivestire un ruolo cruciale nella storia dei mercati finanziari.

Alla prossima…

Foto di aperura: elaborazione personale

No Comments Yet.

Leave a reply